Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Tornano sul palco i Kom, la cover band abruzzese tributo a Vasco Rossi

Dopo le restrizioni dovute alla pandemia il gruppo rock è pronto per far cantare i loro fan

la redazione
Condividi su:

I Kom, la nota band abruzzese, che attraverso il loro leader Mirco Salerni, aveva dichiarato il proprio "fermo-concerti" per rispettare le restrizioni legate alla pandemia, oggi , in concomitanza con le nuove e più libere disposizioni, è lieta di annunciare il proprio ritorno sui palchi. 

"Abbiamo sofferto tantissimo la mancanza del grande pubblico" commenta Mirco Salerni, "ma siamo fieri di avere avuto il coraggio di assumerci le nostre responsabilità nei confronti di una situazione anomala e pericolosa come quella che tutti abbiamo vissuto per due lunghissimi anni. Ci siamo sentiti in dovere soprattutto di essere d'esempio, abbiamo continuato le nostre attività professionali con formazioni più piccole, pretendendo sempre il rispetto delle regole e, anche quando nei periodi nei quali il virus allentava la presa, ci è stato proposto di azzardare a tornare, abbiamo risposto di no. Il mio pensiero su tutta la vicenda rimane pur sempre un pensiero e per quanto tale discutibile, l'unica certezza che ho avuto e che posseggo ancora è che non si può giocare con la vita delle persone. Ora è il momento e noi KOM ripartiamo fiduciosi e lo facciamo allargando la famiglia, saremo in 8.

 Mi sono voluto prendere il lusso di farmi sostenere da due voci femminili, Nastassya D'Isanto e mia figlia Giorgia, poi ci sarà una bella sorpresa per i più nostalgici, il ritorno alla chitarra di Emiliano Sabatini e in fine la new entry Luca D'Orazio alle tastiere. Il resto della band è formato dai miei instancabili compagni di pandemia ossia Nico Sboro e la sua batteria, Mario Colasante con il suo basso e Agostino Balice con la sua chitarra. Prometto uno spettacolo a garanzia KOM, incalzante, omogeneo e assolutamente rock, sul palco salirà, alla voce, come sempre Mirco Salerni e non un tentativo patetico di clonare Vasco, io sono le sue canzoni, con lui ho parlato solo mezz'ora nella mia vita, è stato piacevole ma se dovessi somigliare a qualcuno mi concentrerei volentieri molto di più su mio padre e a quelli che mi dicono <<si vabbè ma tu devi fare spettacolo>> rispondo semplicemente <<appunto>>".

Condividi su:

Seguici su Facebook