Parrucchiere del centro commerciale multato per aver aperto nel weekend

Confartigianato: "Ma i divieti non riguardano i servizi alla persona." Sanzione di 4000 euro

| di Ufficio Stampa Confartigianato Pescara
| Categoria: Attualità
STAMPA

Un parrucchiere il cui salone si trova in un centro commerciale del Pescarese è stato multato per aver aperto al pubblico durante il fine settimana. Oltre alla sanzione da 400 euro, è stata imposta all'attività la chiusura per tre giorni. Ne dà notizia Confartigianato Imprese Pescara che, sottolineando come si tratti di "uno dei primi casi in Italia", annuncia iniziative legali e ribadisce che "in assenza di chiarimenti ufficiali in merito, le attività artigiane, tra cui gli acconciatori, a differenza di quelle commerciali, anche nei centri commerciali possono rimanere aperte durante i fine settimana".

La sanzione è stata elevata dalla Polizia locale, che ha imposto la chiusura dell'attività per tre giorni, stop che si è protratto fino all'8 dicembre, periodo festivo in cui il salone è stato costretto ad annullare molti appuntamenti. Nel verbale viene evidenziato che "si svolgeva l'attività inerente ai servizi alla persona di tipo parrucchieri, all'interno del centro commerciale, non rientranti tra le attività previste nell'allegato 24 del Dpcm".

"Ciò che non è stato rilevato - afferma il direttore di Confartigianato Pescara, Fabrizio Vianale - è che si tratta di un'attività artigiana e non commerciale. Tutto questo è inaccettabile. Temevamo potesse accadere e, tra i primi casi in Italia, è successo proprio in Abruzzo. Sul tema in questione siamo impegnati da settimane. Abbiamo chiesto informazioni agli organi competenti, a partire dalla Prefettura. Ad eccezione di alcune interlocuzioni informali, non abbiamo ancora ricevuto i chiarimenti necessari per far lavorare serenamente le imprese artigiane. Tali chiarimenti sono ora indispensabili, considerando che siamo vicini al Natale."

Citando i contenuti del Dpcm del 3 dicembre, Vianale ricorda che i passaggi relativi alle chiusure "si riferiscono testualmente ed in via esclusiva alle sole attività di vendita al dettaglio e non anche alle attività di servizi alla persona, tra cui acconciatori, estetiste e lavanderie, che sono attività artigiane. Appare, pertanto, chiaramente delimitato l'ambito di applicazione dei divieti relativi ai centri commerciali, che non devono essere oggetto di interpretazioni estensive, essendo disposizioni che limitano la libertà di iniziativa economica, tutelata costituzionalmente".

"L'attività in questione ha una decina di dipendenti, rimasti fermi a causa della chiusura. Dozzine gli appuntamenti saltati. Non ci fermeremo qui - annuncia Vianale - Insieme a Confartigianato Forlì, a cui è associata la società titolare del salone, ci stiamo già muovendo per vie legali e chiederemo un risarcimento per i mancati incassi. Siamo, fin dall'inizio, per il rispetto delle regole. Abbiamo sensibilizzato i nostri associati e gli artigiani hanno effettuato investimenti significativi per adeguarsi ai protocolli. Ma è indispensabile chiarire definitivamente le regole", conclude il direttore di Confartigianato Pescara.

Ufficio Stampa Confartigianato Pescara

Contatti

redazione@ww.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK