Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Le emozioni che fanno crescere", il laboratorio che sensibilizza i giovani al contrasto della violenza

Condividi su:

Si e’ svolto ieri pomeriggio, presso la sede dell’Associazione Culturale e Sociale Pescara LAB, in Via Pandolfi n. 22, a Pescara, un laboratorio rivolto al sociale, dal nome: “Le Emozioni che fanno crescere”. L’evento promosso dalla Dott.ssa Anna Rita Rossini, impegnata nel mondo dell’associazionismo, e componente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Pescara, ha avuto come matrice la sensibilizzazione delle nuove generazioni, al contrasto della Violenza di Genere partendo dalle basi, da quello che definisce, la dottoressa Anna Pia Cirilli, responsabile del Centro PsicoPedagocico, di SpazioPiu’, piu’ spazio per Crescere, che ha tenuto il laboratorio, come radicamento “ grow roots”, per uno sviluppo sano dell’individuo, partendo dal riconoscimento e dalla gestione delle proprie “Emozioni”.

Regola di partenza riconoscere le emozioni, individuarle, in questo i bambini presenti sono stati molto bravi, nel elencarle quali: Approvazione, Sorpresa, Paura, Dispiacere, Disgusto, Aspettativa, Rabbia e Gioia. L'emozione, specialmente se intensa, può provocare alterazioni somatiche diffuse: il sistema nervoso centrale influenza le reazioni mimiche (l'espressione del viso), la tensione muscolare; il sistema vegetativo e le ghiandole endocrine, la secrezione di adrenalina, l' accellerazione del ritmo cardiaco e altre risposte viscerali. L’attenzione si è poi spostata sulla Rabbia, ognuno di noi si trova periodicamente a fare i conti con questo sentimento che colora la nostra vita di relazione e il nostro mondo interiore.

Solitamente la RABBIA ci porta a reazioni istintive, improvvise, fuori dal nostro controllo razionale; rappresenta un’energia molto forte che facilmente invade il nostro campo di coscienza ordinario. La RABBIA si esprime sotto forma di azioni, reazioni, contrasti, lotte interiori vive con noi e come una maschera spesso imprigiona e ostacola il nostro essere. Ma la Rabbia in sé non è negativa; rappresenta un’energia in sospensione, un accumulo energetico di per sé non patologico, anche se nella maggior parte dei casi assume sfumature negative.

Ma se riusciamo ad osservarla attraverso l’ausilio della CONSAPEVOLEZZA sarà possibile fronteggiarla, non sentendola solo un nemico da sconfiggere e diventerà gradualmente una grande opportunità di crescita e conoscenza. L’argomento si e’ poi spostato sull’intero sistema Corpo-Emozioni-Mente-Spirito, poiche’ l'organismo gode del massimo del suo potenziale vitale solo quando il flusso dell'energia non è bloccato dai fattori di ostruzione (tossine fisiche, emotive e mentali. A questo punto si e’ innescato il contributo del dirigente COLDIRETTI, presente, all’incontro, sul tema della sana alimentazione, che ha anche illustrato brevemente ai genitori ed adulti presenti, le campagne volte ad introdurre la trasparenza nelle etichettature a tutela dei produttori, distributori e consumatori, nella certezza e tracciabilita’ degli alimenti come l’introduzione del logo 100% Italiano, per il latte prodotto nel nostro territorio che soprattutto ha l’ambizione di chiarire le dispute legate alla nascita di determinati derivati, formaggi innanzitutto, magari prodotti anche in Italia, ma a volte con latte proveniente da Paesi stranieri, non meglio identificato e quindi dalla qualità assolutamente dubbia.

La presenza della Coldiretti, nell’iniziativa, ribadisce Anna Rita Rossini, ha una duplice finalità, quella di accogliere e dare voce a Donne Impresa della Coldiretti, e cercare sinergie con il coordinamento regionale volto allo sviluppo dell’imprenditoria femminile, nel contesto agricolo, rurale, di prima trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, in quanto un fattore sicuramente efficace nel contrasto alla violenza di genere, specie se nella forma sottile della dipendenza economica e materiale, e’ l’azione nella direzione di un piu’ ampio inserimento lavorativo delle donne, o nella possibilità di reinserimento lavorativo nelle ipotesi di esistenze che vanno aiutate a rigenerarsi. Il pomeriggio e’ stato allietato dalla presenza di Elisabetta Crescia, dell’associazione i Fiori della Vita che ha regalato un mini work-shop di “Yoga della risata”, verso il benessere nella produzione di endorfine, accresciuto dal delizioso buffet di prodotti genuini, offerto dalla Az. Agricola Ciarcelluto Antonella, aderente alla rete di Campagna Amica.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook