Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Un quadro della pittrice pesarese Cinzia Napoleone nel Ministero della Giustizia

Condividi su:

Nuovo riconoscimento per la pittrice Cinzia Napoleone: artista figurativa, ultima discendente di una famiglia di artisti che hanno saputo raccontare sulla tela quel che la natura sa esprimere.

Figlia del maestro Nicodemo e nipote di Vincenzo, fin da piccola ha respirato i colori e da loro ha ereditato la passione per la pittura e l’arte in generale seguendo un lungo percorso di apprendistato. La sua pittura rappresenta il punto di arrivo di un secolo di tradizioni artistiche di famiglia e la testimonianza che l’arte vera è in grado di trasmettere valori ed emozioni, che né il tempo né le tendenze possono offuscare. Ideatrice di una Bottega d’arte illuminata costantemente dalle sue cromie variopinte , insegna a piccoli e grandi ad esprimere il proprio mondo interiore con l’ausilio dei tratti e dei colori.

Le Sue tele, prevalentemente olio su tela  raffigurano paesaggi, marine, oggetti e fiori della sua terra, dalla quale riesce a trarre il meglio della sua ispirazione e creatività con colori variopinti vivaci e suggestivi.

L’artista ha già ottenuto numerosi riconoscimenti e successo di critica, l’ultimo in ordine di tempo, lo ha ricevuto dalla senatrice pescarese Federica Chiavaroli, che ha scelto per il nuovo studio del Sottosegretariato del Ministero di Giustizia, un’ opera di Cinzia Napoleone dal titolo “Una finestra sul mare di Pescara” perché potesse avere anche nel luogo di lavoro, le immagini della sua terra. 

Condividi su:

Seguici su Facebook